Sii Dolce con il tuo Tempo, sii Gentile nell’Esplorarti

No pain, no gain: nessun dolore, nessun guadagno.
Questo ci insegnano sin da bambin*.
Se non soffri, fallisci. Non sarai nessuno. Non “evolverai”.
Riesci a fare 10 trazioni e sei al limite della sopportazione? Fanne 12! Riesci a fare 10 km di corsa e ti manca il respiro? Fanne 11! Non importa ciò che senti, se sei ferit* o esaust*, non fermarti, resisti, fatti del male per poi farti del bene (in futuro).

E se non fosse così? Se avessimo molto più bisogno di superare gli “ostacoli”, o i limiti, in modo dolce, rispettoso del nostro presente consapevole di non farcela adesso, allenandoci nel quotidiano, giorno dopo giorno, nell’accettare i limiti rispettandoli, e rispettando l’ascolto di noi?

Il movimento naturale, nel corpo e nella vita, avviene quando accetti ciò che è, ed in modo spontaneo ne ricerchi l’equilibrio. Un equilibrio che non giudica il tuo posto, ma che lo abbraccia, e ne utilizza ogni spazio, ogni confine, per conoscersi ed allenarsi con ciò che c’è, con ciò che è.

Quando il suo “massimo” è stato esplorato, naturalmente si espande, cambia forma, è in grado di sostenere la metamorfosi e di ricercare un nuovo equilibrio, in un altro livello, più ampio.

Ciò che esce dall’accettazione, conoscenza e consapevolezza di sé crea infortuni, fisici, psicologici, emotivi.
Senza la presa di consapevolezza di ciò che riusciamo o meno a fare, viviamo in costante sfida contro i fantasmi della prestazione e della performance, senza goderci il percorso, bramosi del risultato che vogliamo ottenere, vedendo il presente come passaggio verso un futuro idealizzato che, quando arriva, non basta mai.

I passi avanti possono fare parte di un percorso amorevole e sereno, proprio come suggerisce la radice etimologica di competizione: com-petere, andare insieme, domandarsi insieme, incontrarsi, convergere.

Entriamo in competizione con noi stess*, andiamo con ogni parte di noi verso ciò che ci porta a stare bene, senza più lasciare indietro ciò che siamo nel presente.

Perché è quando quelle 10 trazioni riesci a farle senza che ti crollino le braccia, è quando quei 10 km li fai senza fiatone, che il tuo corpo, ed il tuo cuore, sono predisposti naturalmente ad andare oltre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.