La Zona Di Conforto

L’esperienza terrena è fatta di cicli, tutto è ciclico, tutto ha un inizio, un apice e una fine. Se questo viene accettato di buon grado, senza critiche e senza attaccamenti, le vicende della vita diventano delle opportunità di crescita e cambiamento.

Ora più che mai questo concetto è realtà. Immaginiamo di poter ricordare esattamente la nostra vita prenatale: la grande zona di conforto nell’utero materno ha procurato alla maggior parte di noi sensazioni di benessere e protezione.

Siamo riusciti a formarci e a crescere grazie a questo ambiente protetto e naturale, che Madre Natura ha stabilito essere il modo migliore per il nostro sviluppo. Per circa nove mesi abbiamo beneficiato di questo habitat rassicurante, ma all’improvviso quello che era il posto più bello dell’universo comincia a starci stretto, diventando il posto più inospitale possibile. Il disagio aumenta, e comincia a far marcire quello che ha fatto il suo tempo.

Fra dolore, paura, stupore ed entusiasmo veniamo su questo piano, affidandoci all’ignoto con purezza e semplicità. In questi tempi ad ognuno di noi viene chiesto di lasciare le proprie zone di conforto, e tutto quello che ormai ha dato ciò che doveva dare, per avventurarci in luoghi nuovi dentro e fuori di noi, verso esperienze di più alta frequenza, dove metterci alla prova per superare i limiti creati solo dalla nostra mente.

La Consapevolezza va ampliata per poter fare nuove Scelte più compatibili al benessere di tutto il Creato, e per poter vivere su una Frequenza più amorevole che ci farà creare una Realtà positiva e sostenibile per tutti gli esseri viventi. La Rinascita è in atto, ed è nostro libero arbitrio scegliere se rimanere nel conosciuto o intraprendere il Viaggio più avvincente mai vissuto fino ad ora, e che la nostra Anima ci sta invitando a sperimentare. Quello che ci aspetta è di poter essere e poter vivere il Cambiamento tanto desiderato. Buona Transizione!

La Scelta

Lasciami partire, non trattenermi nelle solite stanze dagli arredi vecchi e consumati, dove l’odore pesante mi toglie il fiato. So che è il tempo di andare, il sole mi aspetta danzando fra i miei capelli color oro e argento.

Lasciami la mano, lo sai che non tornerò più indietro, non mi appartiene questo stile, se giro pagina è per sempre. I miei occhi cercano nuove visioni, i miei piedi nuove direzioni, le mie mani altre mani da stringere.

La mia voce deve raggiungere nuove destinazioni che mi stanno già aspettando anche se non lo sanno, ma io si lo so. Devo infilarmi le scarpe, dare un’ultima occhiata e girare le spalle, un colpo secco, ma preparato nel tempo con consapevolezza, mai per caso.

È sempre stato così, al momento giusto cambia tutto, si smonta la scenografia e un nuovo teatro mi aspetta, con una nuova partitura.

Cosa pensi di fare, vieni con me? Hai ancora una notte per pensarci, io all’alba parto, e non aspetto nessuno, mi porto dietro l’essenziale, il nuovo giorno mi regalerà tutto quello che mi serve per il nuovo viaggio.

Sono vestita di Luce, di Entusiasmo e Armonia, sul mio carro di fuoco entro dentro al Portale dell’Infinito Sapere, e sparisco, scintillante nella mia Magia, non mi vedrai più.

Con Amore,
Cinzia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *